doppio minimo e doppio massimo

Come anticipato dal titolo del nostro articolo, il Doppio Minimo e il Doppio Massimo sono due figure di inversione che vi capiterà di riscontrare con molta frequenza sui grafici finanziari.

Sono delle figure che ci permettono di prevedere con buona approssimazione il futuro andamento del mercato, offrendoci pure un probabile target.

Per iniziare a riconoscere tali figure è necessario individuare i supporti e le resistenze del nostro grafico, se non sai come fare ti consiglio di leggere questo nostro articolo.

Analizziamole insieme per scoprire sia come si formano sia come operare nel caso le individuassimo.

Il Doppio Minimo

Il Doppio Minimo si realizza quando a seguito di un netto trend ribassista, il prezzo testa per due volte un determinato livello di prezzo, creando quindi un valido supporto, senza riuscire però a superarlo. La figura del Doppio minimo ricorda vagamente una ‘W‘, anche se nella realtà operativa non si creano mai figure perfette come quelle che riscontriamo sui libri di teoria del trend e di analisi tecnica.

Vediamo ad esempio l’immagine sottostante:

doppio minimo
Esempio di Doppio Minimo in un grafico candlestick

Notiamo subito che ci troviamo in un Trend discendente, il prezzo è crollato fino al punto 1 formando un nuovo minimo, è poi “rimbalzato” contro trend con uno Swing che ha generato il punto intermedio 2 per poi crollare di nuovo fino a toccare un altro minimo al punto 3. A questo punto la nostra figura di inversione è completa e possiamo vedere come il Trend sia diventato da negativo a positivo subito dopo la rottura del punto 2.

LEGGI PURE
LE CONFIGURAZIONI GRAFICHE NEL TRADING

Operatività sul Doppio Minimo

Abbiamo visto come si forma il Doppio Minimo, ma come possiamo generate un Trade profittevole? Abbiamo due possibilità:

  • Entrare LONG alla rottura del punto 2, rottura che tra l’altro che ci conferma l’effettiva inversione del Trend (strategia moderata)
  • Anticipare il mercato entrando LONG alla rottura al rialzo della candela che forma il punto 3 (strategia aggressiva)
trading doppio minimo
trading doppio minimo

In entrambi i casi dobbiamo sempre impostare un Stop Loss al di sotto del punto 3. Se usiamo una strategia moderata avremo maggiore sicurezza di riuscita a discapito del profitto infatti entreremo a mercato con un leggero ritado dovuto all’attesa della rottura del punto 2 ma con uno Stop Loss più ampio. Invece con una strategia aggressiva anticiperemo il mercato, avremo uno Stop Loss molto più piccolo così da avere comunque un piccolo guadagno nel caso in cui il prezzo raggiunto il punto 2 rimbalzi nuovamente al ribasso e un maggiore guadagno se la figura si completa invertendo il Trend in atto.

Il nostro primo Target sarà della stessa lunghezza del range formato dal punto 2 al punto 3, una volta raggiunto (come in questo caso), dovremo portale il nostro Stop Loss al livello d’ingresso per azzerare il rischio e lasciare scorrere i profitti fino al prossimo segnale di inversione o se notiamo che il Trand sta entrando in fase di consolidamento.

Il Doppio Massimo

Il Doppio Massimo è la figura opposta al Doppio Minimo e si forma in un trend rialzista quando il prezzo tocca per due volte un livello di resistenza senza avere la forza di romperlo ancora al ribasso. Stavolta la figura formerà una sorta di ‘M‘ con due punti massimi (1 e 3) e un punto intermedio (2):

LEGGI PURE
Indicatore ADX per individuare la forza di un Trend

 

doppio massimoAnalizziamo l’immagine soprastante: Ci troviamo in un chiaro Trend Rialzista, il prezzo forma un massimo al punto 1 che ritraccia al ribasso formando il punto intermedio 2. Subito dopo il prezzo ritorna a salire formando un nuovo massimo relativo al punto 3, leggermente più basso del punto 1. La nostra figura si completa quando il prezzo rompe al ribasso il punto 2 inziando il Trend ribassista.

Operatività con il Doppio Massimo

Come per il Doppio Minimo, anche in questo caso possiamo adoperare due strategie: una moderata e una più aggressiva.

Nella fattispecie possiamo:

  • Entrare SHORT alla rottura del punto 2 con una strategia moderata
  • Entrare SHORT alla rottura del minimo che forma il punto 3 adottando una strategia più aggressiva.

Anche in questo caso lo Stop Loss di protezione deve essere impostato al di sopra del massimo della figura, in questo caso il punto 1.

trading doppio massimoRicordiamoci sempre di impostare come nostro primo target il range della figura, allo stesso modo di come abbiamo fatto con il Doppio Minimo.

Quale Strategia scegliere: moderata o aggressiva?

Questa è una domanda alla quale nessuno può darvi una risposta, dipende da diversi fattori: dalla vostra propensione al rischio, dal vostro carattere, dal vostro modo di fare trading, dal vostro umore etc…

Posso dirvi che nel caso di Doppio Minimo e Doppio Massimo, io personalmente credo che una strategia aggressiva permetta di avere un rischio minore visto lo Stop Loss ridotto e nel caso il mercato non mi dia alla fine ragione, riesco a chiudere in positivo almeno una parte del Trade.

Consigli per i principianti

Qualsiasi strategia di Trading scegliate, ricordate sempre che la formazione delle figure devono sempre essere accompagnate da un momentum coerente con l’eventuale inversione. Un segnale preso da solo spesso non è sufficiente per aprire una posizione, se individuate un doppio minimo o un doppio massimo sul grafico giornaliero, ricercate altri segnali che confermino la vostra tesi sui grafici intraday anche su timeframe diversi.

LEGGI PURE
Quando e come Chiudere un Trade

Inoltre ricordate che dopo la rottura del livello che definisce il nuovo trend (il punto 2 ), spesso il prezzo effettua un rimbalzo chiamato pullback in direzione del trend originale. Questo non deve fare credere di aver sbagliato posizione visto che si tratterà probabilmente solo di un movimento di ritorno che non andrà a toccare il nostro StopLoss se piazzato sopra o sotto il punto1.

Prova adesso a individuare i Doppi Minimi e i Doppi Massimi che si formati sui grafici nei vari intervalli temporali. Una volta preso dimistichezza con queste formazioni, prova con un conto DEMO a indivuare quelli che si stanno formando con i mercati in movimento. Ti consigliamo quindi di aprire un conto demo con PLUS500, XM.com, Avatrade o Markets che oltre all’ottimo Bonus senza deposito ti offrono la possibilità di utilizzare Metatrader 4.

[widgets_on_pages]

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO