tasse forex

Come in molti sanno il FOREX (Foreign Exchange Market) è il mercato OTC più grande del mondo e gli scambi finanziari sono generati sia da investimenti effettuati da piccoli trader che da grossi fondi di investimento.

Per molti anni i trader operanti hanno goduto di una tassazione agevolata che prevedeva una esenzione dalla tassazione qualora i guadagni generati non fossero superiori a 100 milioni delle vecchie lire e che gli stessi non “stazionassero” all’interno del conto per oltre 7 giorni consecutivi (la maggior parte dei trader, operando giornalmente, investiva subito i guadagni e pertanto difficilmente venivano sottoposti a tassazione).
Nel 2010 l’amministrazione finanziaria ha focalizzato la propria attenzione sul forex emanando in data 6 Luglio 2010 la risoluzione n. 67/E “Trattamento fiscale delle plusvalenze e delle minusvalenze derivanti da operazioni nel mercato del Forex”.

La plusvalenza eventualmente generata dalle operazioni sul Forex eseguite in una giornata devono essere cumulate, e la somma dei guadagni conseguiti nell’anno di imposta dovrà essere indicata nel modello Unico selle persone fisiche , Quadro RT sezione II – B. Come precisato dalla successiva risoluzione n. 102 del 25 Ottobre 2011 dell’Agenzia delle entrate le plusvalenze generate sono soggette ad aliquota sostitutiva. L’imposta sostituiva, a partire dal 1° luglio 2014, è pari al 26 % (Imposta sostitutiva sulle plusvalenze di natura finanziaria).

Qualora il trader consegua delle perdite (minusvalenze finanziarie) le stesse andranno dichiarate nel modello Unico e potranno essere compensate con eventuali plusvalenze conseguite sino al quarto anno successivo a quello di dichiarazione della perdita. Al trader è inoltre fornita la possibilità di scegliere tra due diversi regimi al fine di assolvere ai propri debiti tributari:

LEGGI PURE
Quando e come Chiudere un Trade

Regime dichiarativo: sarà il proprietario del conto, ossia il trader, a dichiarare l’ammontare dell’imposta conseguita all’interno del mercato Forex;
Regime amministrato: In questo caso il calcolo dell’imponibile e dell’imposta da versare sarà demandato al broker presso cui il cliente ha acceso il conto.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO